Refosco dal Peduncolo Rosso

cabernetfranc_s

Vitigno autoctono, diffuso dal Friuli, al Carso e all’Istria da dove, probabilmente, ha tratto origine.
La presenza sul territorio è documentata fin dal XIV secolo e le testimonianze diventano sempre più numerose a partire dal Settecento.

  • Colore: rosso granato intenso, con riflessi violacei
  • Profumo: di mora, di frutti di bosco
  • Gusto: sapido, amarognolo, leggermente tannico
  • Tenore alcolico: 13%
  • Luogo di produzione: Cloz (Nimis)
  • Terreno: collinare; marnoso~arenaceo
  • Sistema di allevamento: a Cappuccina
  • Epoca di vendemmia: prima metà di Ottobre
  • Modalità di raccolta: manuale
  • Vinificazione ed affinamento: appassimento in cassetta; in rosso; passaggio nel legno per 12 mesi ed affinamento in bottiglia per 12 mesi
  • Abbinamenti: salumi, salsiccia, cotechino; carni rosse alla griglia, in umido; gulasch; bollito; selvaggina di pelo
  • Temperatura di servizio: 16~20°C
  • Riconoscimento: DOC Colli Orientali del Friuli

Schioppettino

cabernetfranc_s

Vino ottenuto dalla Ribolla Nera (Pocalza) originaria del territorio lungo il confine italo~sloveno che ha in Prepotto il suo centro.
Un tempo preferito amabile, soprattutto per soddisfare le richieste dei mercati della Mitteleuropa, negli ultimi trent’anni ha assunto la fisionomia di un vino asciutto e di corpo.

  • Colore: rosso rubino intenso
  • Profumo: speziato; di frutti di bosco (ciliegie selvatiche)
  • Gusto: ricorda la frutta; il tabacco dolce; la cannella
  • Tenore alcolico: 13%
  • Luogo di produzione: Savorgnano al Torre
  • Terreno: marnoso~arenaceo
  • Sistema di allevamento: a Cordone speronato
  • Epoca di vendemmia: seconda metà di ottobre
  • Modalità di raccolta: manuale
  • Vinificazione ed affinamento: in rosso; passaggio nel legno ed affinamento in bottiglia 8 mesi
  • Abbinamenti: paste con sughi di arrosto; paste e riso con legumi; risotto con funghi o fegatini; carni rosse, bianche e selvaggina di penna arrosto o in umido con erbe aromatiche; polenta e brodetto di seppie; anguilla in umido
  • Temperatura di servizio: 14~16°C
  • Riconoscimento: Friuli Colli Orientali DOC

Cabernet Sauvignon

cabernetfranc_s

Vitigno bordolese. Introdotto in Italia nel 1820, insieme al Cabernet Franc, dal conte di Sambuj.
L’Asssociazione Agraria Friulana, nel 1863, lo segnala ai viticoltori locali come miglior vitigno allogeno a bacca rossa; ben vocato per i diversi terreni del Friuli.

  • Colore: rosso rubino intenso
  • Profumo: fruttato; tende ad acquisire col tempo note speziate
  • Gusto: al palato è pieno, avvolgente e vellutato
  • Tenore alcolico: 13%
  • Luogo di produzione: Fraelacco (Tricesimo)
  • Terreno: pianura; marnoso~arenaceo
  • Sistema di allevamento: a Cappuccina
  • Epoca di vendemmia: seconda decade di Ottobre
  • Modalità di raccolta: manuale
  • Vinificazione ed affinamento: in rosso; passaggio nel legno per 12 mesi ed affinamento in bottiglia 12 mesi
  • Abbinamenti: carni rosse e in umido, brasati, selvaggina di pelo; pollame, con l’oca in particolare; fegato; trippa
  • Temperatura di servizio: 18~20°C
  • Riconoscimento: DOC Colli Orientali del Friuli

Cabernet Franc

cabernetfranc_s

Vitigno della Gironda. Introdotto in Italia nel 1820 dal conte di Sambuj per i suoi vigneti di Marengo (Alessandria), fa la sua comparsa in Friuli attorno al 1870.

  • Colore: rosso rubino intenso con evidenti sfumature violacee.
  • Profumo: intenso e persistente, con profumi spiccatamente erbacei e vegetali tipici della varietà.
  • Gusto: pieno e robusto, leggermente tannico; il retrogusto erbaceo si riduce, fino a scomparire, con l’invecchiamento.
  • Tenore alcolico: 12,5%
  • Luogo di produzione: Sedilis(Tarcento); Cloz(Nimis)
  • Terreno: collinare; marnoso~arenaceo
  • Sistema di allevamento: a Pergola
  • Epoca di vendemmia: ultima decade di Settembre
  • Modalità di raccolta: manuale
  • Vinificazione ed affinamento: in rosso; passaggio nel legno e affinamento in bottiglia per 8 mesi
  • Abbinamenti: salumi, salsiccie, cotechino; carni rosse in umido o bollite; gulash;trippa; selvaggina, in particolare quella di pollo; risotti e paste dal sapore deciso; anguilla in umido
  • Temperatura di servizio: 16~18 °C
  • Riconoscimento : IGT Venezia Giulia

Merlot

cabernetfranc_s

Vitigno bordolese. è il classico “tajut” rosso dei friulani.
Introdotto nelle province di Udine e Pordenone nel 1880 dal senatore Gabriele Pecile e dal conte di Brazzà, si è diffuso rapidamente nel triveneto e nel resto d’Italia.

  • Colore: rubino con riflessi granati dopo invecchiamento
  • Profumo: di mora, lampone, mirtillo
  • Gusto: sapido, asciutto, con sentori erbacei; invecchiato sviluppa un retrogusto amarognolo
  • Tenore alcolico: 12,5%
  • Luogo di produzione: Treppo Grande
  • Terreno: collinare, morenico di medio impasto
  • Sistema di allevamento: a Guyot
  • Epoca di vendemmia: ultima decade di Settembre
  • Modalità di raccolta: manuale
  • Vinificazione ed affinamento: in rosso; passaggio nel legno e affinamento per 8 mesi
  • Abbinamenti: fra i vini rossi è il più versatile: salumi; risotti e paste dai sapori decisi; carni rosse, arrosto e in umido; gulash; bollito; fegato; trippa; pollame; selvaggina
  • Temperatura di servzio: 16~20 °C
  • Riconoscimento: IGT Venezia Giulia

Ramandolo

cabernetfranc_s

"E’ il vino friulano che meglio racconta le sue genti" (W. Filiputti). La sua coltivazione è vecchia di secoli e ben documentata a partire dal XIV secolo.

  • Colore: giallo dorato fulvi più o meno intensi
  • Profumo: intenso, con profumi di frutta matura (pesca, pera), frutta secca (fichi, uva passa), miele.
  • Gusto: amabile e dolce, comunque lascia il palato asciutto grazie alla presenza di una leggera tannicità naturale. Gli aromi complessi hanno una buona intensità e persistenza.
  • Tenore alcolico: 13,5%
  • Luogo di produzione: Sedilis (Tarcento); Cloz (Nimis)
  • Terreno: collinare; marnoso~arenaceo
  • Sistema di allevamento: a Cappuccina, a Guyot
  • Epoca di vendemmia: prima metà di Ottobre
  • Modalità di raccolta: manuale
  • Vinificazione ed affinamento: appassimento in cassetta; fermentazione iniziale in presenza delle bocce; invecchiamento in legno di robinia; affinamento in bottiglia per 18 mesi
  • Abbinamenti: vino da meditazione ma non solo; formaggi maturi, anche erborinati; Formadi Frant e miele di melata; prosciutto di San Daniele con fichi o pesche; prosciutto cotto caldo (Praga) e focaccia; lardo o trota affumicati; gnocchi di susine; cjarsons; strudel di mele, ricotta, noci; Gubana; Putizza; pasticceria secca
  • Temperatura di servizio: 13~15 °C
  • Riconoscimento: Ramandolo DOCG

Sauvignon

cabernetfranc_s

Vitigno bordolese introdotto in Italia attorno alla metà dell’Ottocento.
La coltivazione nel Friuli venne caldeggiata dagli enologi fin dal 1891, in occasione del IV Congresso dell’Associazione Agraria di Gorizia.

  • Colore: giallo paglierino chiaro
  • Profumo: di melone, litchi; di peperone giallo
  • Gusto: acidulo, armonicamente asciutto
  • Tenore alcolico: 13%
  • Luogo di produzione: Cloz (Nimis)
  • Terreno: collinare; marnoso~arenaceo
  • Sistema di allevamento: a Cappuccina
  • Epoca di vendemmia: seconda, terza decade di Settembre
  • Modalità di raccolta: manuale
  • Vinificazione ed affinamento: in bianco; macerazione a freddo; affinamento in bottiglia
  • Abbinamenti: pesce magro; crostacei; risotti e paste con molluschi e crostacei; risotti e frittate alle erbe; riso e piselli; ricotta; formaggi freschi, filati; frico friabile; prosciutto di San Daniele con melone o pesche
  • Temperatura di servizio: 8~10°C
  • Riconoscimento: IGT Venezia Giulia

Chardonnay

cabernetfranc_s

Vitigno originario della Borgogna. Introdotto in Italia, attraverso il Trentino, attorno al 1860.
Nel Friuli si diffonde un secolo più tardi grazie all’iniziativa dal grande vivaista di Ruda, Giovanni Battista Toppati.

  • Colore: giallo paglierino
  • Profumo: ricorda la mela, la pesca gialla, la frutta esotica matura; invecchiato ha sentori di artemisia
  • Gusto: ricorda l’infiorescenza della robinia, la mela; morbido, vellutato, fragrante
  • Tenore alcolico: 13%
  • Luogo di produzione: Treppo Grande
  • Terreno: collinare; morenico, di medio impasto
  • Sistema di allevamento: a Guyot
  • Epoca di vendemmia: seconda, terza decade di Settembre
  • Modalità di raccolta: manuale
  • Vinificazione ed affinamento: in bianco; macerazione a freddo; affinamento in bottiglia
  • Abbinamenti: pesce; crostacei; molluschi; ricotta; formaggi freschi e mezzani, anche erborinati; formaggi filati; frico con/senza patate; minestre delicate; risotti e paste con pesce o molluschi; asparagi con uova; prosciutto di San Daniele con melone o pesche
  • Temperatura di servizio: 8~10°C
  • Riconoscimento: IGT Venezia Giulia